• modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/Imm_HP/Foto_2.JPG

 

Pagamento del verbale di violazione al Codice della Strada   
 

Avviso posto sul parabrezza del mezzo

entro 5 giorni dalla data sul verbale la sanzione può essere pagata:
a) con conto corrente postale n. 12351011, intestato a Comune di Fabrica di Roma – Polizia Locale;
b) con versamento alla Tesoreria presso la CARIVIT Ag. di Fabrica di Roma con coordinate bancarie nazionali ( IBAN) IT 90T0606573060000018000002

Si precisa che non è consentito il pagamento con detto avviso in presenza di violazione che comporta la decurtazione di punti. In questo caso deve essere attesa la notifica del verbale o, in alternativa, può essere chiesta alla Polizia Locale di Fabrica di Roma la contestazione del verbale indicando i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione.

Violazione contestata o notificata 

entro il termine tassativo di 60 giorni dalla data di contestazione o notifica la sanzione può essere pagata con le modalità suddette o in qualunque ufficio postale utilizzando il bollettino allegato al verbale. 
Per i pagamenti oltre il 60° giorno l'importo della sanzione diventa pari alla metà del massimo edittale previsto.

Attenzione: se il pagamento viene effettuato entro 5 giorni dalla data della contestazione o della notificazione, l'importo è ridotto del 30%escluse le spese di procedura che dovranno sempre essere corrisposte per intero.

Si precisa che la riduzione del 30% non si applica:

  1. ♦ quando per la violazione commessa è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo o della sospensione della      patente;
  2.  quando la violazione costituisce reato;
  3. quando per la violazione commessa non è consentito il pagamento in misura ridotta.

 

INFORMAZIONI SU VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE RELATIVE AD ALTRE NORMATIVE (EDILIZIA, COMMERCIO, AMBIENTE, REGOLAMENTI COMUNALI, ORDINANZE SINDACALI).

Quando la violazione riguarda norme diverse da quelle del Codice della Strada, la procedura è simile ma diversa.
Il termine per il pagamento è 60 giorni;
Il termine per presentare ricorso è 30 giorni;
L'autorità competente a ricevere gli scritti difensivi è, generalmente, il Sindaco, ma può essere diversa in relazione alla violazione commessa: in tal caso è necessario fare riferimento all'art. 17 della legge 689/81. In caso di accoglimento del ricorso tale autorità emetterà il provvedimento di archiviazione, in caso contrario emetterà l'ordinanza ingiunzione per il pagamento della somma stabilita. Anche in questo caso è ammessa l'opposizione al provvedimento che dovrà essere presentata, a secondo dei casi, al Giudice di Pace o al Tribunale.

Per le violazioni amministrative relative ad altre normative i cui proventi sono di spettanza comunale (edilizia, commercio, regolamenti comunali, ordinanze sindacali) il conto corrente da utilizzare è il seguente:
C/C postale n. 12351011 - IBAN IT 90T0606573060000018000002

 

RICORSI.

Un cittadino che riceve un verbale di violazione che prevede una sanzione amministrativa (pagamento di una multa) può opporsi facendo ricorso all'autorità amministrativa o giudiziaria, chiedendo che siano valutate le sue ragioni. 

Ricorso amministrativo 

Per le violazioni al Codice della strada deve essere diretto al Prefetto e inviato tramite raccomandata con ricevuta di ritorno (A.R.) all'indirizzo: Polizia Locale Fabrica di Roma – Piazza Duomo 18 – 01034 Fabrica di Roma (VT), oppure consegnato personalmente presso il protocollo del Comune.

Il termine per proporre ricorso è di 60 giorni dalla data della contestazione o notifica del verbale.

 

Ricorso giurisdizionale 

Per le violazioni al Codice della strada l'autorità giudiziaria competente è il Giudice di pace. Il ricorso deve essere depositato presso la cancelleria del Giudice di Pace di Civita Castellana.
Contestualmente al ricorso può essere richiesta la sospensione del provvedimento impugnato; se il Giudice accoglie la domanda l'efficacia del verbale è sospesa fino al pronunciamento e di conseguenza sono sospesi anche i termini per il pagamento.

Dal 1 gennaio 2010 per presentare ricorso al G.d.P. è necessario il pagamento di un contributo unificato nella misura prevista dall’art. 13 D.P.R. n. 115/2002  più spese forfettizzate secondo l’importo fissato dall’articolo 30 dello stesso D.P.R.

L'autorità (Sindaco, Presidente Giunta Regionale ecc.) a cui indirizzare il ricorso per violazioni diverse dal Codice della strada è indicata sul verbale di violazione.

I due tipi di ricorso sono alternativi, ovvero non si può ricorrere a entrambe le autorità perché il ricorso all'una esclude il ricorso all'altra.

Le eventuali sanzioni accessorie, quali il blocco o la rimozione del veicolo, devono essere pagate per consentire lo sblocco/restituzione del veicolo; le ricevute degli importi corrisposti vanno allegate al ricorso e ne deve essere richiesto il rimborso (accordato in caso di esito positivo).

Il termine per proporre ricorso è di 30 giorni dalla data della contestazione o notifica del verbale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy